Avete una vasca da bagno, ma al tempo stesso bramate una calda e rilassante doccia? Vi spaventano però i lavori di demolizione invasivi? O magari non avete sufficiente riserva delle piastrelle posate in bagno? Vi aiutiamo noi! Troveremo insieme a voi la migliore soluzione per il vostro bagno! Via la vasca… e qua la doccia!

4. Quando la vasca diventa doccia

Una delle soluzioni che vi proponiamo è la sostituzione completa. La vecchia vasca viene smantellata, e al suo posto diamo vita a una spaziosa e moderna nicchia doccia. Il ripristino delle pareti ormai lasciate scoperte dalla vasca può essere affrontato in tre modi diversi. La prima vede la posa delle medesime piastrelle già presenti in bagno. Questo implica però che abbiate sufficienti pezzi in riserva. In alternativa si procede con la sovraposa di materiale nuovo: la scelta può variare da appositi pannelli in vetro o resina che vanno a coprire l’area precedentemente occupata dalla vasca, alla posa in sovrapposizione di un rivestimento in piastrelle nuovo. Soprattutto optando per l’ultima opzione, si ha la possibilità di giocare con forme e colori, e con un intervento minimo dare un tocco di aria fresca di grande impatto.

Una volta risolta la questione rivestimenti si procede con la scelta della doccia stessa, che può variare dalla tradizionale cabina doccia, alle soluzioni più moderne – e apprezzate sempre da più clienti, come l’installazione di un vetro doccia fisso.

Si comincia con la scelta del piatto doccia: questo può essere in resina, corian o ceramica. Molti dei prodotti che il mercato offre sono addirittura personalizzabili per quanto concerne colore e dimensioni. Il piatto doccia può però anche essere realizzato con le medesime piastrelle che scegliete per il bagno (attenzione al corretto grado di scivolosità), così da creare una continuità e coerenza di stile nel vostro bagno.

Una volta definita la base, vanno scelti i vetri doccia, e anche qui le opzioni sono molteplici. Partendo dalla semplice cabina doccia possiamo innanzittutto definirne il tipo di apertura: scorrevole, ad anta battente oppure pieghevole, trovando così una soluzione non soltanto estetica ma anche pratica in base allo spazio a disposizione. Per chi sceglie invece una ristrutturazione più moderna le pareti doccia Walk In, quindi aperte e senza alcun tipo di porta ma con l’installazione di un vetro fisso, sono la soluzione ottimale!

Infine, per far sì che la nuova nicchia doccia sia in tono con il resto del bagno, vi è la possibilità di giocare con i colori e le finiture: non solo la rubinetteria può essere personalizzata con finiture particolari e colori diversi, ma anche i profili della doccia. In alcuni casi anche il vetro doccia può essere personalizzato a proprio piacimento, ad esempio con eleganti decori tramite serigrafia o stampa digitale, per dare un tocco di classe al vostro bagno!

Se siete invece affezionati ai benefici di un rilassante bagno, e preferite combinare la vecchia vasca con una doccia, ecco che vi proponiamo delle soluzioni sopravasca: attrezzando la vasca da bagno con un vetro divisore, vi sarà possibile sfruttarne entrambi i benefici. Anche qui la scelta è vasta, partendo da una parete fissa, scorrevole o pieghevole. Con l’aggiunta di una semplice asta saliscendi, ecco che avrete una soluzione veloce e pratica per la vostra doccia, senza dover ricorrere a lavori di demolizione

Per una consulenza tecnica personalizzata così come una scelta di materiali mirata, fissate ora un appuntamento con uno dei nostri collaboratori. Sapremo consigliarvi al meglio aiutandovi a realizzare il vostro bagno da sogno.

Richiedi una consulenza gratuita